Pianeta Gaia

curiosità dal Pianeta Gaia


Lascia un commento

Cranio di raro fossile di scimmia scoperto in Cina

Immagine del fossile di scimmia rinvenuto nella provincia           di Yunna

un gruppo di ricercatori ha scoperto il cranio di una scimmia fossile a Shuitangba, un sito del Miocene nella provincia di Yunnan, Cina.

Il cranio giovanile del fossile di scimmia Lufengpithecus è significativo, secondo il membro della squadra Nina Jablonski,  Illustre Professoressa di Antropologia presso Pennsylvania State University

Jablonski ha notato che il cranio giovanile di una scimmia è estremamente raro nel record fossile (1), specialmente quelli di infanti e giovani subadulti.

Questo cranio è solo il secondo cranio relativamente completo di un giovane subadulto dell’ intero  Miocene  (epoca da 23 a 5.3 Milioni di anni fa) :  record di scimmie fossili in tutto il Vecchio Mondo, ed entrambi sono stati scoperti dal tardo Miocene della provincia dello Yunnan.

Il cranio è anche degno di nota per la sua età. Shuitangba, il sito da cui è stato recuperato, datato a circa 6 milioni di anni fa, lo pone vicino alla fine del Miocene, un periodo in cui le scimmie divennero estinte in quasi tutta l’ Eurasia.

Shuitangba ha anche prodotto i resti di una scimmia fossile, il Mesopithecus, che rappresenta la prima presenza in assoluto di scimmie in Asia orientale.

Jablonski è stata co-autrice di un recente documento on-line  Chinese Science Bulletinnel quale descrive la scoperta. 

La conservazione del nuovo cranio è eccellente, con solo una minima distorsione post-deposizionale”, ha detto Jablonski. “Questo è importante perché tutti i crani adulti precedenemente scoperti della specie alla quale è stato assegnato,  Lufengpithecus lufengensis, sono stati gravemente schiacciati e distorti durante il processo di fossilizzazione. Nelle specie di scimmie viventi, l’ anatomia cranica negli individui  allo stesso stadio di sviluppo del cranio fossile appena rinvenuto,  mostrano già una stretta somiglianza con quelle degli adulti. ”

Pertanto, il nuovo cranio, pur essendo di un individuo subadulto,  offre ai ricercatori la migliore visione dell’ anatomia cranica di Lufengensis Lufengpithecus.

“In parte a causa di dove e quando Lufengpithecus è vissuto, è considerato da molti inserito nel lignaggio dell’ attuale orangutan, ora confinato nel Sud-Est asiatico, ma ben noto anche dal tardo Pleistocene nel sud della Cina”, ha detto Jablonski.

Tuttavia, i ricercatori hanno notato che il cranio mostra poca somiglianza con quelli degli oranghi viventi, e, in particolare, non mostra nessuno di quelli che sono considerati caratteristiche diagnostiche chiave del cranio degli Orangutan. Lufengpithecus sembra quindi rappresentare una tardo lignaggio superstite di scimmie euroasiatiche, ma con affinità ancora non chiare.

La sopravvivenza di questo lignaggio non è del tutto sorprendente dal momento che la Cina meridionale è stata meno colpita dal deterioramento climatico durante il tardo Miocene, che ha causato  l’estinzione di molte specie di scimmie nel resto dell’Eurasia. I ricercatori sperano che ulteriori scavi produrranno i resti di individui adulti, che permetteranno loro di valutare meglio le relazioni tra i membri di questo lignaggio, nonché le relazioni fra questo lignaggio e quello di altre scimmie, sia fossili che esistenti.

Credit Foto : Denise Su/Cleveland Museum of Natural History (PennState)

Fonte : http://news.psu.edu/

Annunci


7 commenti

La storia del ragazzo «curato» dal cancro con il bicarbonato

I risultati dell’autopsia: ecco come è morto Luca Olivotto

“Gravissima alcalosi metabolica da somministrazione endoarteriosa di bicarbonato”. E’ questa, secondo i consulenti della Procura di Catania – delegata dal PM Attilio Pisani della Procura di Roma, titolare delle indagini – la causa che ha determinato il decesso di Luca Olivotto, il giovane ventottonne che si ricoverò nell’ottobre dello scorso anno presso la Universal Hospital Group di Tirana su indicazioni di Tullio Simoncini, l’ex medico, radiato da vent’anni, secondo il quale il cancro è un fungo da debellare con infusioni massicce di bicarbonato di sodio.

LA STORIA DEL CANCRO CURATO CON IL BICARBONATO – Il 16 ottobre 2012 il giovane Olivotto, cui nel giugno del 2012 era stato diagnosticato un tumore al cervello, era stato accompagnato a Tirana dai propri genitori, Olinto e Silvana Olivotto, persuasi dalla bontà della terapia e rassicurati circa il risultato conseguibile (oltre il 70% di possibilità di guarigione) e le eccellenti condizioni della Clinica di Tirana. Dopo aver ricevuto 20mila euro in contanti ed aver inserito, con l’ausilio di un altro medico italiano, il catetere nell’arteria femorale, Simoncini aveva cominciato ad infondere le prime sette fiale di bicarbonato, dovendo tuttavia sospendere il “trattamento” a causa dei forti mal di testa e violenti spasmi addominali del giovane.

LA TERAPIA – La terapia riprendeva il giorno successivo, ma dopo la somministrazione di altre fiale Luca comincia a stare male: vomita ed è scosso da violenti spasmi muscolari. Gli viene somministrato del valium ma le condizioni del ragazzo precipitano: alle 18 dal ragazzo esce bava dalla bocca che impone l’immediato  trasferimento presso il vicino ospedale “Madre Teresa” di Tirana, dove Luca muore pochi minuti dopo l’ingresso in Ospedale. A distanza di circa un anno i consulenti del PM, dr.ssa Veronica Arcifa e Dr. Nunziata Barbera, dopo aver reperito con molte difficoltà la documentazione medica di Tirana e le testimonianze rese dinanzi alle autorità albanesi, hanno depositato una consulenza che non lascia adito a dubbi in ordine alle cause del decesso: “le manifestazioni cliniche cui andò incontro il paziente Olivotto Luca Ernesto durante la degenza nella struttura “Universal Hospital Group” di Tirana sono riconducibili agli effetti sistemici prodottisi per effetto della somministrazione di bicarbonato di sodio, foriera di gravissima alcalosi metabolica ed infine dell’exitus”.

LUCA OLIVOTTO E I GENITORI“Abbiamo atteso con ansia il deposito della consulenza che conferma quanto già immaginavamo”, dichiarano Silvana e Olinto, i genitori del ragazzo: “Luca è entrato con le sue gambe nella clinica di Tirana. La sera prima del trattamento rideva e scherzava con noi al ristorante. Lo abbiamo visto soffrire sempre di più, fiala dopo fiala, ma Simoncini ci rassicurava, dicendo che si trattava di una reazione normale e che il male stava regredendo grazie al bicarbonato” .

COSA DICE L’AVVOCATO – Secondo l’avvocato Francesco Lauri che assiste la famiglia assieme all’avvocato Giovanna Zavota, la consulenza appena depositata “e’ un primo passo verso un processo che, ci auguriamo, inchioderà Simoncini  definitivamente alle sue responsabilià. Nonostante la radiazione dall’albo dei medici risalente al 1993, una condanna per omicidio colposo e truffa nel 2006 ed una delibera dell’autorità garante della concorrenza e del mercato che nel  maggio del 2011 ha dichiarato la promozione delle sue “cure” una pratica commerciale ingannevole e scorretta vietandone la promulgazione a mezzo web”, prosegue il legale, questo signore continua indisturbato a promuovere in rete la sua “pratica” attraendo persone disperate e vulnerabili”.

Fonte : Giornalettismo.com


Lascia un commento

Metodo Stamina : la bocciatura della scienza

Perché il metodo Stamina non è scientifico

 Il comitato nominato per esprimere un parere sulla sperimentazione del metodo Stamina mette in discussione la consistenza scientifica della discussa terapia. Ecco il motivo

Di : Anna Lisa Bonfranceschi

L’ultima bocciatura da parte della comunità scientifica al discusso metodo Stamina è arrivata nella serata di ieri: il Comitato scientifico incaricato di esprimere un parere sulla sperimentazione che dovrebbe (il condizionale ora è più che mai d’obbligo) partire a breve avrebbe sostanzialmente negato la consistenza scientifica del metodo della onlus di Davide Vannoni, secondo quanto riferiscono le agenzie di stampa. Il parere del comitato, guidato dal presidente dell’ Istituto superiore di sanità Fabrizio Oleari, dovrebbe essere consegnato a breve al Ministro della salute Beatrice Lorenzin, che infatti all’uscita della notizia faceva sapere: “Si precisa che il ministro della Salute non ha ancora ricevuto alcuna relazione in merito alle valutazioni del comitato scientifico incaricato di esprimersi sull’avvio della sperimentazione del metodo Stamina dalla direzione generale competente per materia. Come già reso noto, per garantire la massima trasparenza, sarà cura del ministero pubblicare tempestivamente sul sito istituzionale la determinazione del Comitato scientifico”.

Insomma di ufficiale ancora non c’è nulla, ma se la notizia venisse confermata (e dovrebbe esserlo in tempi brevi, dopo di che spetterà al ministro Lorenzin decidere come procedere, dal momento che il parere del comitato non è vincolante) il responso del gruppo guidato da Oleari sarebbe tutt’altro che inatteso. E lo sarebbe anche per lo stesso Vannoni, che ha commentato: “Me lo aspettavo, è evidente che il comitato non fosse imparziale”.

La comunità scientifica ha da sempre messo in discussione il metodo Stamina, che prevede – lo ricordiamo – l’uso di staminali mesenchimali trasformate in neuroni per la cura di malattie neurodegenerative. Prima ci sono stati gli stop dell’agenzia regolatoria dei farmaci (Aifa), poi il parere negativo del board di saggi sulle staminali, quindi l’ appello di esperti di fama internazionale (tra cui la neosenatrice a vita Elena Cattaneo) al ministro della salute (allora Renato Balduzzi) e le perplessità espresse anche dalla società allora presieduta dal nobel Shinya Yamanaka. Ma perché la comunità scientifica condanna il metodo Stamina? Ecco i motivi principali.

Un metodo senza ricetta
“Il metodo Stamina non è una ricetta. Siccome si adegua a una cosa vivente, cambia in funzione di quello che ho davanti, di come varia quello che sto coltivando”. A sostenerlo era stato lo stesso Vannoni, che in ritardo sulla consegna dei tanto attesi protocolli aveva cercato di spiegare: “Il ministero della Salute ci chiede un protocollo standard, ma Stamina ha una tecnica diversa… Gli esseri umani sono diversi l’uno dall’altro, quindi anche le cellule che li compongono hanno comportamenti diversi”. Vero, ma solo in parte, come ci aveva raccontato Michele De Luca, direttore del Centro di medicina rigenerativa dell’università di Modena e Reggio Emilia, precisando come funziona il metodo scientifico: “Le procedure standardizzate possono essere applicate a qualsiasi tipo di coltura… La questione della variabilità biologica di cui parla Vannoni è vera, ed è nota da sempre. Quello che non dice, invece, è che la normativa vigente tiene già conto di questa variabilità”. Perché standardizzare significa rendere riproducibili da altri, a prescindere dagli operatori e dai laboratori.

Trasformazioni cellulari dubbie
Vannoni sostiene di riuscire a differenziare cellule staminali mesenchimali, che normalmente possono differenziarsi in cartilagine e tessuto osseo o adiposo, in neuroni, e nel giro di poche ore. Nel nostro corpo, invece, lo sviluppo di cellule neuronali procede molto più lentamente, richiedendo settimane.

L’assenza di pubblicazioni scientifiche
Più volte si è detto che il metodo Stamina non è stato mai descritto da nessuna pubblicazione, e come tale non è accessibile – e tantomeno verificabile – da parte di altri ricercatori. Questo anche nel senso anche di riproducibile, una caratteristica imprescindibile di qualsiasi processo che voglia dirsi scientifico. L’unica pubblicazione disponibile è la domanda di brevetto presentata da Vannoni nel 2010, la quale però, più che dare corpo al metodo, ne avrebbe sottolineato il carattere dubbio, e non solo. Un’ indagine condotta dalla rivista Nature aveva svelato a suo tempo come il metodo Stamina descritto nella richiesta fosse tutt’altro che trasparente, addirittura basato su una manipolazione dei dati, con foto copiate da altri articoli.

Mancano dati di efficacia
L’assenza di pubblicazioni non nega solo la possibilità di visionare il funzionamento del metodo, ma anche quello di valutare – su basi statistiche – l’efficacia del metodo in questione. Vannoni, interrogato a proposito, ci aveva detto: “ Stiamo facendo un misto di analisi. Qualcuna all’ospedale di Brescia, altre le facciamo fare da esperti. Ecografie, valutazioni della presenza dell’enzima mancante a livello sanguigno in malattie genetiche”. 
Ma ancora una volta in assenza di dati (che per Vannoni saranno raccolti e resi disponibili in pubblicazioni, future però) non è possibile stabilire l’ efficacia del metodo. Anzi, è proprio per questo che si è deciso di procedere con l’avvio di una sperimentazione che cerchi di rispondere ai malati. Anche se lo stesso Vannoni, a pochi giorni dalla consegna dei protocolli, aveva dichiarato che la sperimentazione sarebbe stata ” inutile” se non era prevista una fase tre.

 

FONTE : WIRED

(Credit per la foto : Ansa.it )

 


Lascia un commento

Prima interfaccia cerebrale fra due cervelli umani

La trasmissione del pensiero avviene tramite un videogioco

I ricercatori dell’ Università di Washington hanno realizzato quello che ritengono essere il primo esperimento di interfaccia cerebrale uomo-uomo non invasiva, con un ricercatore che inviando un segnale cerebrale tramite Internet, è in grado di controllare i movimenti della mano di un altro collega ricercatore.

Utilizzando registrazioni cerebrali e una forma di stimolazione magnetica, Rajesh Rao ha inviato un segnale al cervello di Andrea Stocco dall’ altro lato del UW campus,  causando il movimento del dito di Stocco su una tastiera.

Mentre i ricercatori della Duke University hanno dimostrato la comunicazione cervello-cervello fra un umano ed un ratto, Rao e Stocco credono che questo possa essere la prima dimostrazione di interfaccia cerebrale uomo-uomo.

Internet è stato un modo per collegare i computer, e ora può essere un modo per collegare i cervelli”, ha detto Stocco. “Vogliamo portare la conoscenza di un cervello e trasmetterla direttamente da cervello a cervello.

Potete vedere nel seguente video la registrazione dell’ intero esperimento :

Rao, professore di informatica ed ingegneria presso l’ Università di Washington, sta lavorando sull’ interfaccia cervello-computer da più di 10 anni ed ha appena pubblicato un libro di testo sull’ argomento.

Nel 2011, spronato dai rapidi progressi della tecnologia, ha creduto di poter dimostrare il concetto di interafaccia fra due cervelli umani. Così ha collaborato con Stocco, ricercatore italiano e professore in psicologia all’ UW, presso l’ Institute for Leargning & Brain Sciences.

Il 12 agosto, Rao era seduto nel suo laboratorio, indossava un casco dotato di elettrodi collegati ad un macchina per l’ elettroencefalogramma (Eeg), in grado di leggere l’ attività elettrica del cervello. Stocco era nel suo laboratorio dall’ altro lato del campus, indossava una cuffia viola sulla quale era stato preventivamente contrassegnato il punto di applicazione per un dispositivo per la stimolazione magnetica transcranica (Tms), posto direttamente sulla sua corteccia motoria sinistra, deputata al controllo dei movimenti della mano destra.

Il team coinvolto nell’esperimento ha utilizzato anche una connessione Skype per coordinare lo svolgimento del test, ma nessuno dei due ricercatori poteva vedere lo schermo.

Poi Rao si è posto davanti allo schermo di  un computer e ha giocato ad un semplice videogioco con la sua mente.  Quando pensava che il cannone dovesse  sparare contro un bersaglio, immaginava di muovere la sua mano destra (stando attento a non muovere assolutamente la mano). Quasi istantaneamente, Stocco, che indossava una cuffia insonorizzata e non era davanti ad uno schermo, muoveva involontariamente il suo indice destro per premere la barra spaziatrice, come se stesse facendo fuoco con il cannone. Stocco ha poi descritto la sensazione di quel tipo di movimento indipendente dalla sua volontà, come quella legata ad un tic nervoso.

Le tecnologie utilizzate dai ricercatori per registrare e stimolare il cervello sono ben note. L’  elettroencefalogramma, o EEG, viene infatti abitualmente utilizzato da medici e ricercatori per registrare l’ attività cerebrale in modo non invasivo attraverso il cuoio capelluto. La stimolazione magnetica transcranica è un modo non invasivo di fornire stimoli al cervello per ottenere una risposta.

I suoi effetti dipendono  da dove la bobina metallica è posta, in questo caso, è stata collocata direttamente sopra la regione del cervello che controlla la mano destra . Con l’attivazione di questi neuroni, la stimolazione ha convinto il cervello che aveva bisogno di muovere la mano destra.

Secondo Stocco questa nuova tecnologia potrebbe essere usata, ad esempio, per far fare un atterraggio di emergenza da personale da terra o anche dai passeggeri a bordo, nel caso il pilota diventasse inabile.  Oppure una persona affetta da disabilità fisiche potrebbe  comunicare le proprio necessità. Le attività dell’ interfaccia non avrebbero alcun problema legato alle barriere linguistiche, perché il segnale cerebrale implica l’ esecuzione del movimento e non la comprensione di un ordine.

Rao e Stocco stanno lavorando su un nuovo esperimento, col quale vogliono tentare di trasmettere informazioni più complesse da un cervello all’ altro.  Se i risultati saranno soddisfacenti prevedono di estendere la sperimentazione su volontari.

Le loro ricerche sono finanziate in parte dal National Science Foundation’s Engineering Research Center for Sensorimotor Neural Engineering alla UW, dal U.S. Army Research Office e  dal National Institutes of Health.

FONTE:
http://www.washington.edu/news/2013/08/27/researcher-controls-colleagues-motions-in-1st-human-brain-to-brain-interface/

 


Lascia un commento

Cercasi inquilini su Marte : 200mila candidati

L’ associazione no profit Mars One, il cui obiettivo è quello di fondare una colonia umana stabile su Marte nel 2023, ha lanciato lo scorso aprile un bando per la ricerca di futuri “inquilini marziani” . Il risultato è stato quello di ricevere ben 202.586 candidature, la prima scrematura verrà effettuata da Mars One, poi si passerà alla fase successiva : un reality show in cui i concorrenti si sfideranno fra di loro, per arrivare a selezionare i primi 40 astronauti.  I candidati per Mars One provengono da più di 140 stati; il numero maggiore appartiene agli Stati Uniti (24%), India (10%), Cina (6%), Brazile (5%), Gran Bretagna, Canada  Russia, Messico (4%), Filippine, Spagna, Colombia, Argentina (2%), Australia, Francia, Turchia, Cile, Ucraina, Perù, Germania e Italia e Polonia (1%); l’ Italia “partecipa” con 2070 candidati.  Potete vedere (e votare) gli oltre 200mila candidati QUI.

p.s. : Le iscrizioni si sono chiuse il 31 agosto 2013 😉

Fonte:

http://spaceindustrynews.com/final-mars-one-numbers-are-in-over-200000-people-have-applied/

See more at: http://spaceindustrynews.com/final-mars-one-numbers-are-in-over-200000-people-have-applied/#sthash.Y2cDA0f2.dpuf


Lascia un commento

Gatti che sognano di volare

La storia narrata dal video è quella di Wasabi, un gatto dell’ Alaska, che un bel giorno, in preda alla “sindrome da grattacielo”, ha deciso di lanciarsi dal balcone nel tentativo di afferrare una mosca. Un volo di circa 40 metri dopo il quale Wasabi se lì è cavata con qualche ossa rotta ed una prognosi di 6 settimane : non male, per un volo dall’ 11° piano ! Ma nessun miracolo, tutto merito della fisica e della biomeccanica felina.

 

Il riflesso di raddrizzamento

Nel labirinto non acustico posto nell’ orecchio interno, è localizzato l’ organo dell’ equilibrio del gatto, deputato al riflesso di raddrizzamento, a cui è dovuta la peculiare capacità del gatto di atterrare sempre sulle quattro zampe :

 

Se il gatto precipita inizialmente con la schiena rivolta a terra, in poche frazioni di secondo la testa andrà a ruotare verso il terreno, trascinandosi poi il resto del corpo, sino a che le quattro zampre non sono in posizione di atterraggio.  La muscolatura poi è decisiva : l’ elacisticità delle zampe (sia anteriori che posteriori) permette di ammortizzare la caduta, al punto tale che i gatti “volanti” dal quinto-sesto piano se la cavano con poco o niente, a condizione però di non essere sbilanciati da ostacoli all’ ultimo istante.  Già nei cuccioli della terza e quarta settimana, Il riflesso di raddrizzamento è osservabile,  ed è completamente sviluppato alla settima settimana.

Se non vi fidate, potete provare l’ esperimento contenuto nel prossimo video a casa; occorrente : 1 o più gatti, un materasso. Bonus : un gatto grasso.

In piedi sul letto fate cadere il gatto di schiena. Questo si raddrizzerà, sempre.
Anche quello grasso.

 

Medesimo esperimento fu realizzato nel lontano 1890 dal fisiologo ed inventore francese Etienne Jules Marey, che filmò,  col suo proiettore cronografico in grado di catturare fino a 60 fotogrammi al secondo , un gatto in caduta.


 

 

Il rapporto volume-corpo

Oltre alla dinamica del movimento di “raddrizzamento”, altro vantaggio dei gatti è il rapporto fra il volume del corpo e il peso. Questo è molto basso, e in caso di caduta le zampe vengono utilizzate per rallentare la velocità, con una manovra che richiama quella degli scoiattoli volanti, cioè allargando il corpo in volo.

Sopravvivenza alle cadute

i gatti che cadono dai piani alti, hanno un tasso di sopravvivenza maggiore di quelli che cadono dai piani intermedi.

1°-3° piano :  specie se privi di ostacoli e con fondo erboso,  pochi graffi, specie se il gatto è giovane e sano.

4°-7° piano :  i traumi diventano maggioramente gravi ed aumenta la mortalità.

7°-32° piano :  aumentano notevolmente i traumi alle ossa, ma diminuisce la mortalità. Perchè ?

Una teoria elaborata recentemente è che  cadendo da una certa altezza, il gatto possa raggiungere la velocità massima ed il meccanismo vestibolare nell’ orrecchio vada a spegnersi, con il risultato che il gatto, semplicemente, si rilasserebbe : le membra rilassate hanno meno probabilità di rompersi di quelle non rilassate.

 

 

FONTI :
http://www.gattomania.it/orecchio.htm
http://www.fe.infn.it/~lenisa/2012/lezioni/gatti.htm
http://pentagono.uniandes.edu.co/~jarteaga/geosem/taller7/minicursoJK-Uniandes/robotic%20examples/kane.pdf
http://www.bbc.co.uk/news/magazine-17492802
http://biomech.byu.edu/Portals/84/Documents/how_cats_survive_falls.pdf


Lascia un commento

Iscrizioni aperte per il corso “The Walking Dead” !

Questa settimana prenderà il via il nuovo corso universitario (on-line e gratuito), tenuto dai docenti della  IrvineUniverity of California, che spiega la scienza prendendo spunto dalle imprese di Rick, Lori, Daryl e compagnia.
Il Mooc ( Massive Open Online Course, corso di massa on-line gratuito), è organizzato dall’ azienda didattica della tecnologia Instructure e dalla rete televisiva americana Amc, assieme ai docente della Irvine – University of California.
Il corso di “Società, scienza e sopravvivenza”, durerà 8 settimana e spiegherà i concetti base di matematica, fisica, scienze sociali e medicina, ispirandosi agli episodi della serie The Walking Dead.

Il corso sarà tenuto da un’ equipe multidisciplinare di docenti, i quali parleranno di diffusione di malattie infettive, modelli di crescita della popolazione, gestione dello stress in situazione di emergenza, identità e ruoli sociali (pensate ai leaders Rick e il governatore !).

“La possibilità di raggiungere un pubblico cui finora non siamo stati in grado di parlare è emozionante”, racconta a Wired Melissa Noble, responsabile dei corsi di formazione a distanza di Irvine. “Mi piacerebbe che qualcuno traesse ispirazione da uno di questi argomenti. Se potessimo ispirare la gente che non odia la matematica e scorpire poi di amarla, oppure la fisica le scienze sociali, o la medicina.  Sarebbe  una vittoria per noi”.

Ogni lunedì, la classe ripercorrà gli eventi dell’episodio andato in onda la notte precedente. Nessun pericolo di spoiler dall’ AMC , anche perchè in fondo “non importa quello che succede nello show, si tratta sempre di zombie che verranno uccisi con un colpo in testa”   scherza Michael Dennin,  professore di fisica ed astronomia all’ UC Irvine.  “Mi piace mettere insieme fisica e vita di tutti i giorni. Si possono imparare un bel po’ di cose. Prendiamo, per esempio, le sparatorie. C’è tantissima fisica – conservazione del momento, leggi del moto – ed è estremamente divertente da studiare”.

Gli appuntamenti settimanali includeranno discussioni, lezioni , incontri con chi lavora nella serie televisiva ed infine esami. Ogni settimana verrà incentrata su una delle quattro discipline, ed una seconda sarà utilizzata come supporto, “nella speranza di offrire argomenti che tutti possano trovare interessanti”.

Se siete nerd appassionati di zombie..le iscrizioni sono aperte !

Iscrizioni aperte !

 

FONTI:
WIRED